Top
 

MARIA ELISABETTA RASTELLI

Guida Turistica Abilitata

Mi chiamo Maria Elisabetta Rastelli, sono una guida turista abilitata di Parma e della sua Provincia.
Essendo nata e cresciuta a Parma da genitori parmigiani, posso affermare di essere un’autentica parmigiana.
E, per non far difetto alla cultura della mia città, ho uno spiccato interesse per quella francese, che tanto ha influenzato Parma.

Professionalità e passione guidano il mio lavoro, che si esprime nella condivisione delle esperienze con i visitatori e nella conoscenza approfondita della città e della sua provincia. Organizzo tour in italiano e francese, adattandoli nel pieno interesse e nelle esigenze di chi si affida a me.

Racconto Parma, la mia città natale, a chi la visita, attraverso la scoperta di angoli nascosti, luoghi suggestivi di cultura e convivialità emiliana.

Sono nata in un paesino, distante un pugno di chilometri da Parma, che si chiama Marore, dove, oltre a quattro case, la chiesa e la scuola, c’era e c’è ancora un cimitero. La mia infanzia è trascorsa in quel piccolo mondo. ”Mondo piccolo” dove c’era tutto agli occhi di una bimba.

Mi chiamo Maria Elisabetta Rastelli e sono Guida Turistica Abilitata dal 2003 dopo aver conseguito la Laurea in Lettere Moderne con lode.

Mio padre era un contadino e mia madre la figlia della maestra. Ovviamente, il matrimonio fra i due venne ostacolato dalla famiglia della maestra, che a quel tempo era un’autorità in paese e, fra dottoroni, professori e maestrine, un contadino, anche se intelligente, non era ben visto.

In quel paesino passarono, prima e dopo la mia nascita, personaggi simpatici. Alcuni già noti allora, altri lo saranno anni dopo e il teatro dei miei primi ricordi prende vita nella scuola di Marore.
L’edificio, costruito su due piani, prevedeva una grande aula al piano terra, con a fianco l’abitazione di una maestra, e un’identica struttura al primo piano con l’abitazione per una seconda maestra. Nella scuola vivevano, perciò, due insegnanti, mia nonna e la madre di Giovannino Guareschi, con rispettivi nipotini.
I figli adulti lavoravano nelle grandi città e le nonne maestre tenevano con sé i bambini.
Le due insegnanti erano rivali ma i bimbi giocavano insieme e le loro avventure sono diventate i racconti della mia infanzia.
L’altro grande personaggio che è passato dalla scuola di Marore è stato il regista premio Oscar, Bernardo Bertolucci, che vi ha girato alcune scene del suo film “Prima della Rivoluzione”.
Ricordo nitidamente che tutti i bambini del paese vennero convocati a scuola, anche quelli piccoli che ancora non frequentavano, come me.
Ci dissero che un nuovo maestro, mai visto, ci avrebbe letto una storia.
Intimorita (poco, non mi intimorisco facilmente) entrai nell’enorme aula e notai che attorno ai finestroni erano state installate delle luci potentissime.
Mi fecero sedere nel primo banco, insieme alle più piccole, e un signore sconosciuto, in cattedra, iniziò a leggere un libro dove si narrava di una balena.
Presto il racconto mi rapì, ma mi domandavo perché la signora Onesti, la maestra del paese, se ne stesse seduta in disparte in fondo alla stanza. E così continuò per alcuni giorni.
Gli adulti sapevano, ma non ci spiegavano, il perché di tutti quei cambiamenti.

Una mattina mi dissero di portare una chiave al maestro che mi stava aspettando sulla soglia della scuola. Me lo fecero rifare diverse volte e non capivo perché.
Il giorno dopo, il maestro che leggeva quel bellissimo racconto, i signori che battevano due legni e le luci sparirono. A noi bimbi fecero trovare delle caramelle.
Seppi, tempo dopo, che quei signori avevano girato un film e che il maestro era un attore. Avrei voluto vedere il film, ma era vietato ai minori di 14 anni.
Finalmente vidi il film quando diedi il mio primo esame di storia del cinema: era testo d’esame. Così adulta, mi rividi bambina.

Dal 2000
Conseguimento della Laurea in Lettere Moderne con Lode.
Nel 2003
Conseguimento dell’abilitazione come Guida turistica per Parma e Provincia che dal 2011 è stata estesa a tutta la Regione Emilia Romagna
2003-2006
Collaborazione con la Cooperativa Antea per le visite guidate alla Reggia di Colorno
2004
Svolgimento dell'attività di guida all'interno della mostra il ``Medioevo Europeo di Jacques Le Goff``.
2005-2011
Collaborazione con l'Assessorato all'Ambiente del Comune di Parma in occasione di manifestazioni cittadine a tema, per visite guidate nel quartiere Otretorrente di Parma, per le cinque edizioni di ``Giardini Aperti``. In occasione delle domeniche “ecologiche”, a traffico limitato, ho elaborato e effettuato le Biciclettate culturali che hanno divertito e attratto un ampio pubblico.
Corsi di aggiornamento e convegni
L'architettura ecclesiastica ``minore`` del parmense (2004)
Corsi di aggiornamento e convegni
I tesori della Biblioteca Palatina: manoscritti, incunaboli, codici miniati, libri rari e stampe. Acquisizioni legate alla storia di Parma (2005)
Corsi di aggiornamento e convegni
Partecipazione al progetto didattico ``La Cattedrale e la Città”. In occasione del Nono Centenario`` (2006)
Corsi di aggiornamento e convegni
Palazzi e Teatri storici di Parma e provincia (2006)
Corsi di aggiornamento e convegni
Correggio e il suo tempo (2007)
Ogni anno
Seguo corsi di perfezionamento di lingua e cultura francese all'Alliance Française di Parigi.

Da anni accompagno turisti, curiosi e appassionati tra le bellezze artistiche di Parma. Ne ripercorro la storia in modo leggiadro, ma puntuale.

Mi piace  rievocare  la sognante atmosfera di altri tempi della Petite Capitale, ma senza esagerare.  Ricordo puntualmente anche la durezza delle condizioni di vita del passato.

Mi dicono, da sempre, di avere una naturale disposizione per questa professione.

Credo che, per raccontare appieno una città, coinvolgendo chi accompagni, si debba essere capaci di respirare e captare emozioni, per poi condividerle con chi ti ascolta. Il piacere più grande è  vedere negli occhi dei visitatori la meraviglia e lo stupore  che provano davanti al Teatro Farnese. Oppure percepire l’entusiasmo che suscita assistere alla “nascita” del Parmigiano Reggiano.

Sono esperienze uniche, da fare almeno una volta nella vita!

E, se c’è un insegnamento che mi ha dato questo lavoro, è la voglia di condividere le varie esperienze  che Parma sa  destare: l’incanto davanti alla vista del lungo torrente al tramonto, il passeggio tra i vialetti ghiaiosi e il verde secolare del Giardino Ducale, il sentirsi rapiti, fra vicoli e borghi,  dall’apparire di Piazza Duomo o, semplicemente, perdersi nella vita e nelle note di Giuseppe Verdi e del Teatro Regio.

Una visita guidata personalizzata è il miglior modo per scoprire Parma  e farne esperienza.

CONTATTAMI

Parma è Cool

Parma è una città sempre più in fermento. Per il 2020 è stata eletta Capitale Italiana della Cultura

Parma è Tradizione

Già capitale del Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla, Parma è una città dalle mille tradizioni affascinanti

Parma è Arte

Correggio, Parmigianino, Antelami e Leonardo: Parma nasconde tesori preziosi tutti da vivere e portare nel cuore

Parma è Musica

Conoscere la città di Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini e la regalità del Teatro Regio: un passaggio obbligato a Parma

Parma è Food

Concediti una visita ai caseifici e assisti alla nascita del Parmigiano Reggiano e del Prosciutto di Parma

Parma è Verde

Parma è una città a misura d’uomo. Prenditi il tempo di passeggiare tra i borghi del centro e nel fantastico Parco Ducale...